Scuola Calcio — “Cronaca della mia prima partita“

Ore 13.40. Mamma e papà mi hanno accompagnato fino al campo. Supero il cancello e i mister mi accolgono sorridenti. Mi misurano la febbre…non ce l’ho per fortuna, altrimenti avrei dovuto saltare la partita. Eh si, oggi c’è la partita, per la prima volta contro una squadra avversaria. Non vedo l’ora! Non ho neanche tempo di pensare a come sistemare la mia borsa nel modo che mi hanno spiegato gli allenatori che mi raggiungono i miei compagni. Li saluto e noto che anche loro sono entusiasti della partita che stiamo per giocare.

Ore 13.50. I mister ci richiamano attorno a loro. È il momento del riscaldamento. Lo fanno sempre i calciatori che vedo in TV! Ci divertiamo a giocare insieme e il tempo che manca alla partita sembra volare.

Ore 13.58. È arrivato il momento: gli allenatori ci dividono in due squadre, la squadra blu e la squadra bianca. Io sono nella seconda. Il mio migliore amico è capitato nell’altra, ma non fa niente, so che mi divertirò comunque…in fondo, sto per giocare la prima partita della mia vita!

Ore 14.00. l’allenatore, che per l’occasione indossa un fischietto al collo, fischia e dà l’inizio alla partita. Si parte. Il calcio d’inizio lo danno gli avversari, e quindi corro subito a cercare di recuperare il pallone. Da quel momento in poi ci siamo solo io, i miei compagni, gli avversari e il mister. Lui a volte mi parla e mi dà qualche consiglio, ricordandomi alcune cose che abbiamo fatto agli allenamenti. Cerco di ascoltarlo e di metterle in pratica tutte, ma la palla e gli avversari vanno così forte che non è per niente facile fare tutto insieme! Pensate che spesso mi ha fatto anche i complimenti, non solo quando ho fatto gol (ebbene sì, ho segnato un gol…non male eh?), ma anche quando ho occupato lo spazio libero, quando ho capito che non potevo più andare avanti ed ero costretto collaborare con un mio compagno provando a passargli la palla, quando l’ho rubata ad un avversario o almeno ci ho provato. Vogliamo parlare del gol che ho segnato? Che emozione. Un mio compagno è riuscito a farmi un bellissimo passaggio e io, beh, ho tirato in porta…e poi è stata una gioia! Non solo per me, ma anche i miei compagni hanno esultato insieme a me.

Ore 15.00. Tre fischi. Così il mister col fischietto ci fa capire che la partita è finita. Avrei voluto andare avanti per tutto il giorno, ma purtroppo gli allenatori ci chiamano attorno a loro. Sono contenti e si congratulano con noi. Ci chiedono se ci siamo divertiti. Tutti insieme rispondiamo con un sonoro “SI!!”.

Ore 15.10. Rimesse tutte le mie cose in borsa, è ora di indossare lo zaino in spalla e andare dai genitori. Saluto l’allenatore e i miei compagni. “Ci vediamo mercoledì!” dico con un po’ di tristezza perché avrei voluto continuare a giocare all’infinito. Prima di uscire dal campo mi ritornano in mente i gol, i passaggi, le palle rubate e le emozioni provate durante tutta la partita. Non vedo l’ora di riprovarle. Ancora e ancora.

Ore 15.15. Esco dall’oratorio mano nella mano con la mamma e il papà, che mi ricordano che devo fare i compiti quando tornerò a casa. Uff, me li ero dimenticati. “Li faccio” gli rispondo, ma la mia testa è già a fantasticare su cosa ci faranno fare gli allenatori mercoledì agli allenamenti. Che bello giocare a calcio!

Mister Mattia

Nella Gallery potrete trovare le foto dell’evento
Scuola Calcio — “Cronaca della mia prima partita“

08 Maggio 2021 — Centro Giovanile — ’14-’15

Alcune delle foto della gallery

w

Contatta Amor Sportiva

Siamo a tua disposizione per maggiori informazioni su news, eventi ed altro.

>> Contattaci!

Seguici sui nostri Social per essere sempre aggiornato

 Instagram 

 Facebook

Iscriviti alla nostra newsletter per altre curiosità

You have Successfully Subscribed!

Share This